Metacritic

Abbozzo
Questa voce sull'argomento Siti web è solo un abbozzo.
Contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di Wikipedia.
Metacritic
sito web
Logo
URLwww.metacritic.com/
Tipo di sitoDatabase di recensioni
LinguaInglese
Scopo di lucro
Proprietario
Creato daMarc Doyle, Julie Doyle Roberts, Jason Dietz
Lancio2001
Stato attualeattivo
SloganWe Deal With Criticism
Modifica dati su Wikidata · Manuale

Metacritic è un sito web statunitense che si occupa di aggregare recensioni dedicate ad album musicali, film o videogiochi; per ogni prodotto, Metacritic fornisce una valutazione, ottenuta trasformando ogni recensione in un punteggio numerico, e calcolandone quindi la media.

Il sito è stato fondato nel gennaio 2001 da Marc Doyle, laureato in giurisprudenza alla University of Southern California, assieme alla sorella Julie Doyle Roberts e al compagno di corso Jason Dietz[1]. È stato poi acquistato da CNET nel 2005[1]. Insieme al gruppo CNET è appartenuto a lungo alla CBS Interactive ed è stato ceduto alla Red Ventures nel 2020[2].

Quando fu fondato, Metacritic offriva un servizio simile a quello di Rotten Tomatoes, sito allora già attivo, ma, come sottolineato dal suo creatore, con la possibilità di coprire più tipologie di prodotto[1].

Nel 2019 per la valutazione di videogiochi è stato acquisito, assimilato sia il team che il sito Gamerankings e fuso in un unico database.[3]

Note

  1. ^ a b c (EN) Nick Wingfield, High Scores Matter To Game Makers, Too, The Wall Street Journal, 20-09-2007
  2. ^ (EN) ViacomCBS Reaches Deal to Sell CNET for $500 Million to Marketing Firm Red Ventures, su variety.com.
  3. ^ GameRankings, chiude dopo 20 anni il celebre aggregatore di recensioni sui videogiochi, su multiplayer.it. URL consultato il 10 agosto 2021.

Altri progetti

Altri progetti

  • Wikimedia Commons
  • Collabora a Wikimedia Commons Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su Metacritic

Collegamenti esterni

  • (EN) Sito ufficiale, su metacritic.com. Modifica su Wikidata
  Portale Internet: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di internet